Democrazia , opinione pubblica e volontà del popolo .

In democrazia il cittadino dovrebbe acquisire conoscenze che gli chiariscano, soprattutto in occasione di elezioni, le alternative politiche in gioco e le conseguenze che ne discendono. E’ altresì scontato che i cittadini vadano a votare in condizioni di equilibrio e di razionalità. Ma nel metodo democratico tre sono gli attori fondamentali : le fonti d’informazione, un potere trasparente e gli elettori. Le fonti d’informazione : è evidente che ormai la fiducia nei media è piuttosto bassa dappertutto, non solo per la reputazione non eccelsa dei giornalisti, ma anche perchè la proprietà dei media è in mano a società o persone con pesanti interessi negli affari o in politica. Oggi anche con l’informazione via web il confine tra informazione, fiction, intrattenimento e pubblicità è sempre più sottile! La fiducia nell’attendibilità, completezza e e indipendenza dei media, già tenue prima della globalizzazione, s’è vaporizzata appena è entrato in gioco il capitale finanziario globale, che ha creato spettacolari concentrazioni mediatiche planetarie. E il potere? Il potere non è affatto trasparente per natura, ma è sempre, sia pure in parte, coperto dal segreto, da retoriche ingannevoli e da vere e proprie menzogne ( vedi il berlusconismo e il renzismo ). La promessa della democrazia reale ossia l’eliminazione del “potere invisibile” non è mai stata mantenuta ! Quanto all’elettore, il cittadino non ha affatto una conoscenza informata degli affari di cui trasferisce la gestione alla politica : si dice…..”l’opinione pubblica” ossia l’insieme dei cittadini che sviluppano idee, concezioni e giudizi a proposito degli affari comuni, sia locali che globali. Ma di che qualità sono le opinioni e le conoscenze dei cittadini? Sono davvero di qualità tale da permettere alla gente di votare cioè di decidere anche del destino degli altri? L’opinione pubblica è un fattore particolarmente delicato nell’epoca attuale. La galassia dei social non solo permette di conoscere all’istante le opinioni, per quanto casuali e avventurose, di un illimitato numero di soggetti, ma soprattutto permette a miriadi di persone di esprimere la propria. Per questo non è affatto inesatta la definizione del nostro secolo come il “secolo dell’opinione pubblica”.

Conseguenza di tutto ciò? La massa è costantemente esposta a suggestioni, prodotte da stereotipi, frasi fatte, enunciazioni di capi e capetti politici e altri fattori. Pertanto l’opinione pubblica valuta in base ad argomenti immaginari, a stereotipi e a imprecisioni. E quando gli argomenti sono complessi intervengono i tecnici ( la tecnocrazia), che agiscono in base a informazioni che il pubblico, in generale, non immagina neanche e può essere chiamato a un rendiconto solo a fatto compiuto (vedi ad es. le varie riforme costituzionali ecc.). Schumpeter non riconosce al popolo alcuna idea del bene comune perchè, in genere,il pensiero del popolo è solo associativo e affettivo. La volontà del popolo è solo un miscuglio indeterminato  di impulsi vaghi, operanti su slogan ricevuti e su impressioni erronee. Come si attiva questo miscuglio? Basta un fatto imprevisto, l’immaginazione che si mette al lavoro,il pregiudizio ideologico o personale (lui mi è antipatico, invece quello mi piace perchè è divertente e sa raccontare le barzellette!), il dispetto o il favore, l’effetto seduttivo o repulsivo che una persona o un gruppo possono ispirare! In queste condizioni i cittadini diventano preda di capi politici, affaristi, pubblicitari capaci di modellare e perfino di creare la volontà popolare! Rousseau diceva “qualunque furbacchione esperto o  oratore insinuante sa portare il popolo dove vuole “.E allora? La volontà del popolo non esiste perchè non è una volontà autentica ma una volontà “fabbricata” ( a manifactured will).I rappresentati del popolo votano generalmente su problemi di cui il popolo non sa e non capisce nulla e spesso operano in modo coperto. L’opinione pubblica deriva quindi generalmente da stereotipi, sentito-dire, chiacchiere da bar, da parrucchiere, da circolo di bocce, pregiudizi e antipatie o simpatie ” a pelle”. L’opinione pubblica, che non si fonda quasi mai sull’elaborazione di informazioni ben fondate, determina persino situazioni paradossali di “eletti ” nelle istituzioni” che per 15- 20 anni scaldano la loro poltrona, percependo la loro indennità, senza mai assumere un’iniziativa politica ma presenziando tutti i convegni e tutte le cermonie, sempre in prima fila!

NON E’ FACILE INVECCHIARE !

 
 
Non è facile invecchiare con garbo.
Bisogna accertarsi della nuova carne, di nuova pelle,
di nuovi solchi, di nuovi nei.
Bisogna lasciarla andare via, la giovinezza, senza
mortificarla in una nuova età che non le appartiene,
occorre far la pace con il respiro più corto, con
la lentezza della rimessa in sesto dopo gli stravizi,
con le giunture, con le arterie, coi capelli bianchi all’improvviso,
che prendono il posto dei grilli per la testa.
Bisogna farsi nuovi ed amarsi in una nuova era,
reinventarsi, continuare ad essere curiosi, ridere
e spazzolarsi i denti per farli brillare come minuscole
cariche di polvere da sparo. Bisogna coltivare l’ironia,
ricordarsi di sbagliare strada, scegliere con cura gli altri umani, allontanarsi dal sé, ritornarci, cantare, maledire i guru,
canzonare i paurosi, stare nudi con fierezza.
Invecchiare come si fosse vino, profumando e facendo
godere il palato, senza abituarlo agli sbadigli.
Bisogna camminare dritti, saper portare le catene,
parlare in altre lingue, detestarsi con parsimonia.
Non è facile invecchiare, ma l’alternativa sarebbe
stata di morire ed io ho ancora tante cose da imparare.
                                            Cecilia Resio

INSEGNARE ? CHE FATICA !

 

Che sempre l’insegnamento sia stato un lavoro faticoso cominciano a capirlo in parecchi.
Fino a poco tempo fa infatti attorno a questa professione circolavano molti luoghi comuni: hanno tre mesi di ferie all’anno; a Natale e Pasqua se la spassano tranquillamente a casa; lavorano poche ore a settimana. Finalmente ci si rende conto che siamo davanti ad una classe di lavoratori in grossa difficoltà, anche se ciò non è di conforto per i docenti.
Come tutte le professioni ad alta esposizione relazionale infatti, l’insegnamento affatica emotivamente, in quanto presuppone il “pescare” da se stessi ogni mattina quelle competenze, motivazioni ed emozioni utili a stabilire i migliori contatti tra sé e gli alunni.
E’ spesso necessario mettere da parte i problemi personali, le proprie difficoltà, le ansie, cercando di mostrarsi sempre disponibili, senza cadere nell’eccesso opposto del permissivismo e dello stare sempre a disposizione. Poi ci sono gli alunni: unici, con caratteristiche, sensibilità e problemi particolari. Problemi di sempre (vivacità, prepotenza, disattenzione, indisciplina), ma anche problemi nuovi, inediti, difficili da evitare e ancor più da affrontare (il bullismo, l’aggressività, il nichilismo, la strafottenza). Ed ora ci si mettono anche le loro famiglie: spesso dure, sprezzanti con gli insegnanti, pronte a difendere i figli a spada tratta, oltre ogni limite.

Che fare? Rientra nelle competenze dell’insegnante affrontare queste situazioni?

Insegnare non è soltanto un’operazione di accrescimento informativo: alunni e bambini portano con sé la loro storia personale, caratterizzata da curiosità, desiderio e gioia, così come da paure, difficoltà e disadattamento variamente espresso. Il salto concettuale da una scuola “insegnante” ad una scuola “educativa” pone ulteriori ma inevitabili fatiche. La scuola non è una scatola nera dove i bambini entrano, apprendono ed escono educati. Non sarebbe possibile neppure un sistema di scuola con più input (bambini “diversi” in entrata) ed un output (un solo modello di alunno in uscita). Situazioni familiari carenti, ambienti sociali degradati, genitori poco presenti e caotici possono incidere profondamente sulla capacità di apprendimento e socializzazione. L’esperienza di discontinuità vissuta dagli alunni all’entrata nella scuola è data dalla difficoltà di riadattare le consuete e consolidate modalità di relazione vissute per lo più all’interno del nucleo familiare, a nuove condizioni ambientali in genere complesse e mutevoli proprie del mondo della scuola. Il passaggio dalla famiglia alla classe è sempre delicato anche per quei bambini solitamente tranquilli.
In famiglia si sta, in genere, molto bene: ci si sente esclusivi e protetti. A scuola ci sono il gruppo, le aspettative da soddisfare, nuove figure adulte con cui confrontarsi , le regole da rispettare, le frustrazioni da affrontare. La famiglia può anche però essere un ambiente duro, precario, caotico, dove i rapporti possono essere fragili o aggressivi. La scuola tende invece a favorire rapporti stabili e solidali, a far rispettare le regole, a contenere l’aggressività e a diminuire la caoticità. Questo delicato passaggio (anzi “i passaggi”: uno per ogni bambino) è mediato dall’insegnante. Per mediare, trasformare cioè ogni bambino in un alunno in grado di crescere bene, il docente dovrà assumere la delicata funzione di conoscere la realtà interna, esterna, culturale, sociale e ambientale di tutti i suoi alunni e ampliare questa conoscenza ogniqualvolta percepisce un cambiamento o, più semplicemente, nota qualche segno particolare.

Se lo sviluppo della personalità, partendo da una base ereditaria istintuale piuttosto ridotta, consiste in una sorta di fasi successive di montaggio, sulle quali l’ambiente (scuola e famiglia principalmente) inserisce una grande quantità di informazioni cognitive, emotive ed affettive, l’insegnante dovrà tener conto di tutti gli elementi interagenti:

la fase di sviluppo di ogni soggetto, i livelli di partenza, la capacità di apprendimento e le potenzialità;
la situazione emotiva ed affettiva;
le eventuali difficoltà di relazione;
la struttura della famiglia e le sue caratteristiche;
l’ambiente di provenienza;
il sistema scolastico nel suo insieme.

L’acquisizione di competenze e tecniche che mettano l’insegnante in condizioni di affrontare tutto questo diventa fondamentale. Senza queste competenze si rischia di “navigare a vista” e commettere errori talmente grossolani che, se non parlassimo di cose serie, ci sarebbe da ridere. Ho sentito chiedermi più volte come mai alunni con insufficienza mentale non sapessero fare le divisioni. Insegnanti arrabbiarsi per l’incapacità di un’alunna depressa (per la morte della sorellina) di buttarsi alle spalle i problemi e cominciare a studiare come Dio comanda. Un intero consiglio di classe bocciare un’alunna in quanto aveva perso temporaneamente la capacità di leggere bene (dislessia) a seguito di un incidente stradale che l’aveva mandata in coma per circa due settimane. Una bambina con mutismo psicogeno essere continuamente sbattuta continuamente fuori la classe per punizione e per stimolarla a parlare.
Il libro bianco sulle nefandezze può essere molto lungo, ma è meglio fermarsi qui.

Oltre a questo tipo di incompetenze ce ne sono molte altre più sfumate, giustificabili, comprensibili, ma altrettanto gravi. Spesso è sufficiente una valutazione troppo superficiale, una delega al sostegno troppo sbrigativa o, al contrario, troppo tardiva (la bambina con mutismo arrivò fino al primo anno di scuola media senza sostegno), una disponibilità pedagogica fluttuante o un eccesso di permissivismo, a segnare l’inizio di una carriera deviante o a consolidare i disagi, trasformandoli in disadattamento. E’altrettanto vero che i docenti non devono improvvisarsi medici, psicologi, sociologi o psichiatri, anche se con queste professionalità dovranno interagire e lavorare per formulare assieme programmi educativi individualizzati.

La professione insegnante è cambiata ed è senz’altro più complessa: la formazione, malgrado gli sforzi degli ultimi anni, va ancora organizzata, completata e, soprattutto, sedimentata. Fondamentalmente occorre essere in grado di capire e valutare i differenti contesti da cui si originano i bisogni dei bambini; avere la competenza di affrontarli con tutte le tecniche, le strategie e le procedure che ci sono (perché esistono e risultano valide); sapere ciò che occorre fare e spesso non fare, qualora si abbiano in classe alunni con delle difficoltà. E’ indispensabile possedere una disponibilità non comune per ascoltare, valutare ed intervenire adeguatamente. Non bisogna poi mai dimenticare di mantenersi sempre autorevoli, senza mostrarsi lassisti e permissivi a costo di scontrarsi con le famiglie. Gli alunni, specialmente della scuola primaria, usano spesso linguaggi non verbali espressi di solito attraverso il corpo ed i sintomi. Quando sono più grandi possono esprimersi attraverso condotte disadattate e disfunzionali. E’ indispensabile ascoltare, decodificare e capire. La conoscenza è proporzionale alla possibilità di dilatare il contesto del proprio alunno. Nella misura in cui il docente ha l’opportunità e la capacità di operare su più contesti (il bambino, la famiglia, le istituzioni, il territorio), la sua attività educativa produrrà soggetti più sani.
Sempre più spesso i docenti si trovano in situazioni educative complesse e difficili da gestire: fenomeni di bullismo, l’iperattività, la caduta a picco di ogni motivazione e senso di appartenenza, rabbia variamente espressa e chiusura sono situazioni con le quali ogni insegnante deve fare i conti tutte le mattine nell’angusto spazio-classe e nel breve tempo-lezione. Anche se faticoso, conviene attrezzarsi: la posizione minimalista “io insegno e basta” non paga più. E’ fuori tempo, è fuori ogni logica reale, paradossalmente espone maggiormente il docente allo stress, alla frustrazione e al burn out.
Quali competenze allora?
Almeno dieci:

conoscere la materia che si insegna (sembra una cosa scontata, ma non sempre lo è);
sapere ascoltare gli alunni;
cogliere in tempo i segnali del loro disagio;
sapere sempre cosa si deve fare quando si evidenzia un problema o esplode una crisi;
cogliere i fenomeni emergenti del mondo giovanile (le mode, i modi, i linguaggi);
avere una certa conoscenza della psicologia dello sviluppo, aggiornandosi spesso sugli ultimi studi;
progettare strategie ed interventi adeguati per affrontare i problemi (ci sono molte “buone pratiche” da adattare alle vostre esigenze);
sperimentare procedure e protocolli d’intervento;
verificare sempre quanto si sta facendo;
avere passione, autorevolezza e la capacità di affascinare.

Si tratta di competenze poco tecniche e molto attitudinali da affinare e collaudare attraverso confronti, collaborazioni e formazione di un certo livello: una formazione intesa come sperimentazione di progetti educativi condivisi, interessanti, innovativi ed entusiasmanti in quanto finalizzati alla crescita dell’intera comunità scolastica. Sì, insegnare è proprio faticoso. I tempi sono cambiati; gli alunni, come spesso si dice, non sono più quelli di una volta. Così pure le loro famiglie. Anche alcuni disagi sono diversi o addirittura inediti: si pensi ad esempio alla caduta del senso di appartenenza di molti giovani alle “istituzioni” (scuola, società e famiglia), la quale comporta l’accelerazione esponenziale ad alcuni fenomeni quali le dipendenze patologiche. Ma non ci si aspetti che una riforma, magari la prossima o la successiva ancora, aggiusti le cose. La disponibilità interna, l’empatia, l’autorevolezza non si attivano a colpi di legge o di riforme. Sono qualità preziose che vanno coltivate nel tempo. Con pazienza e caparbietà.
(U.M. R.S.)