LA MUGGHIERI (dialetto torrese)

La Mugghieri Sia fatta la terra, sia fatto anche il mare…ed ogni animale cominci a campare, sian fatte le piante, sian fatte le foglie, sia fatto il marito e sia fatta la moglie! Ccussì lu Patreternu, ddu giurnu luntanu, è mmisu ‘ntra li uai ogni buenu cristianu percè dda mugghieri ca Iddu ni tesi zziccau amprima amprima cu caccia pretesi: “e ccattimi quistu, e portami ddani, e fani sta cosa e lleviti ti qquani”. Ci tuni ‘ntra casa vuè stai a santa paci edda ti ni caccia percè no li piaci; ci inveci cchiù tardu tuerni nu giurnu, ti ‘mpizza li musi e sarti nu turnu! Ci poi ti ddummanna :”Cce teti ca vuè mangi?” no ddiri ccè vuei, è megghiu cu cangi, percè ci rispunni: Spaghetti, mio amore”, statti sicuru ca truei cicori ! Ci poi ti va ssietti alla televisioni, spettiti subbutu n’atra questioni: Ci tu vuei la partita, edda “Carramba” e ccussì pi ogni cosa: “Tritta?” “Noni, storta!” “Fresca?” “Noni scarfata; “Chiara?” Noni, scura!” No eti cattiveria, nooo…eti propriu natura! Sarai ca lu Patreternu s’era puru straccatu: l’è fatta alla fini ti tuttu lu creatu! La colpa eti ti Adamu: no ll’è disdittata quannu se nn’è accortu ca era sbagliata, ccussì la garanzia l’è fatta scatiri e mmò comu eti, ne l’emma tiniri!!!

Saggio “Come si salva la democrazia” Ilmiolibro.kataweb.it

COME SI SALVA LA DEMOCRAZIA Saggio di Vincenzo Parato … ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=1122803 Come si salva la democrazia, di Vincenzo Parato Saggistica e attualità 62 pagine. Dalla nascita dei partiti politici all’analisi della crisi della struttura-partito in Italia Come si salva la democrazia, Libro di Vincenzo Parato – – Saggistica e attualità – ilmiolibro.it Come si salva la democrazia, di Vincenzo Parato Saggistica e attualità 62 Dalla nascita dei partiti politici all’analisi della crisi della struttura-partito in Italia. L’Autore indica alcune soluzioni che vanno dalla Cittadinanza attiva alla riconquista della piazza e dell’anima della parola come… ilmiolibro.kataweb.it

CHI MI HA RUBATO IL TEMPO ?

Vorrei tanto scoprire chi m’ha rubato il tempo! Vorrei tanto stanare il ladro del mio tempo! Chi m’ha detto di non fermarmi mai? Chi mi ha detto che in questa breve vita fermarsi significa rimanere indietro? Voglio trovarlo il ladro del mio tempo! Voglio sfidare il ladro del mio tempo ! Voglio fermarmi, solo così un giorno forse riuscirò davvero ad ascoltare ! Una parola…la parola “fretta “sia presto bandita dal dizionario degli umani. Fermarsi, fermarsi per poter ascoltare, per osservare, per sentir le tue emozioni ! Chi m’ha rubato il tempo, chi m’ha impedito la gioia della scelta, quella del cambiamento? Chi m’ha detto che non si può cambiare? Chi m’ha detto di saper convivere con il mostro dell’abitudine che affossa la voglia….la gioia della scoperta e dell’impegno? Chi m’ha rubato il tempo, il tempo dell’amore? Quello che sempre fa tanto bene al cuore? Quello che riesce sempre ad annullare il tempo dell’indifferenza nella storia ?

Oasi di ristoro e di speranza

Il verde dei tuoi occhi ho tanto amato, d’averti tutta per sempre accanto a me furtivamente il sogno ho accarezzato. Gazzella volavi sontuosa nella prateria della vita, m’hai dato il tuo cuore di sposa. Misterioso altare della vita ho abbracciato il tuo corpo di madre, fulgida Luce di dolcezza infinita. Nell’impervio sentier della vita mia, oasi tu di ristoro e di speranza per i miei affanni e la mia malinconia.