Biografia di Enzo Parato

Enzo Parato nasce a Torre Santa susanna il 9 Dicembre del 1947, una straordinaria concomitanza con la nascita della Costituzione italiana.Ultimo di 5 figli ma l’unico nato dal secondo matrimonio di Giovanni Parato. Fin da piccolo vive una vita di relazioni e di affetti nell’ambito di una famiglia in cui sono fondamentali due elementi nella sua formazione….la visione molto laica della vita di papà Giovanni e quella religiosa ……quasi missionaria di mamma Anna(uno Zio Monsignore a Taranto,la sorella Suor Gennarina, missionaria negli USA e in Australia, il nipote  Padre Giovanni, missionario rogazionista in America Latina). Frequenta da piccolo l’Asilo infantile delle Suore Antoniane a Torre “con il terrore nel cuore”, unica suora a rassicurare quel bimbo terrorizzato persino dagli odori dell’Istituto è Suor Anna, sempre pronta ad accogliere col sorriso quel piccolo sempre in lacrime!
Frequenta la Scuola Elementare di via Oria e inizia la sua formazione, non solo culturale, sotto la guida del maestro Bartolo Sasso e di altri insegnanti come il prof. Carboni e il prof. Putignano, maestri di vita e di teatro. Con un gruppo di coetanei nei primi anni ’60 dà vita alla Compagnia teatrale dei Giovani Torresi con la guida del prof. Carboni e poi del prof. Putignano. E’ un “sorprendente ” Gesù (anche per se stesso) nella Passione che è rappresentata presso il Teatro dei Padri Carmelitani e vive nell’Associazione S.Alberto,avendo come guida spirituale Padre Augusto, sacerdote, atleta e sportivo,gli anni più importanti della sua formazione, religiosa, culturale e sportiva. Fa parte della squadra di calcio dell’Unione sportiva Torre con amici straordinari in seconda categoria, la squadra è di tutto rispetto ed è composta da calciatori tutti torresi!Ma Enzo impegna tutte le sue energie e potenzialità non solo nello studio, nel teatro e nello sport.Infatti, insieme con un gruppo di amici, nei fatidici anni ’60, partecipa alla formazione di un complesso musicale (I Meridionali, poi i Fratelli del Sole)…..Enzo è la “voce” e colonna portante del complesso che vive i suoi anni d’oro proprio negli anni che vanno dal 1963 al 1967. Il complesso è richiestissimo anche sulle spiagge del Salento e in varie manifestazioni musicali.Per Enzo sono anni importanti, pieni di impegni teatrali, musicali e sportivi nonchè di studio presso il Ginnasio dei Padri Carmelitani prima e poi presso il Liceo Classico “V. Lilla “di Francavilla Fontana. Finiti gli studi superiori, con l’iscrizione all’Università di Lecce Facoltà di Lettere Classiche, giunge il distacco dal suo paese natale che avviene alla fine del 1967.Enzo ha vissuto nel suo paese natale un’infanzia e un’adolescenza ricca di attività culturali, di momenti di gioia ma anche di momenti di sofferenza (uno fra tanti….la scomparsa improvvisa di Antonio, uno dei suoi più cari amici!). Spirito sempre libero (anche grazie alla sua formazione), non riesce a vedere il suo futuro nel suo paese in quanto troppo grande è il desiderio di conoscenza di altri luoghi e di altre culture.Frequenta l’Università di Lecce dal 1966 al 1971, avendo come docenti i nomi più prestigiosi a livello nazionale e internazionale, Mario Marti, Remo Giomini e Carlo Prato! Laureatosi il 3 Marzo del 1971 in Lettere Classiche, adempie al dovere del servizio militare…prima ad Albenga, poi a Roma e infine a Lecce.Nel 1972 frequenta sul lago di Como un Corso per Animatore Culturale di Cineforum accompagnato con altri amici da Padre Agostino di S.Antonio a Fulgenzio di Lecce. Al ritorno, dopo l’interessante esperienza comasca, Enzo fa parte del gruppo degli animatori del Cineforum dell’Antoniano a Lecce, gruppo di cui fanno parte anche il prof. Giovanni Invitto e il prof. Vittorio Za. Nel 1973 l’esperienza straordinaria di insegnamento presso un Carcere per minorenni e poi l’insegnamento al Nord a Brescia a partire dal 1974….questo è il periodo di formazione come docente della Scuola Media prima e poi nei Licei sotto la guida di maestri illustri…un nome fra tanti…Romano Colombini(autore di varie Antologie per la Scuola Media e per la Scuola Superiore), periodo in cui consegue una doppia abilitazione, nella Scuola Media e nei Licei per l’insegnamento della lingua italiana e della lingua latina. Tornato al Sud può subito verificare il divario tra Nord e Sud, non solo economico ma anche culturale! Le tante significative esperienze di formazione culturale, musicale,teatrale e financo sportiva è al servizio dell’insegnamento…….nella scuola con le sue classi il prof. Enzo spesso fa vivere ai suoi alunni la Storia sul palcoscenico (stupendo un suo testo teatrale sulla Rivoluzione francese che in quegli anni a cavallo tra il ’70 e gli anni ’80 si propone come un nuovo modo di “fare “storia nella Scuola Media)e non disdegna di partecipare alle partite di calcio con i suoi alunni.E’nominato componente del Comitato provinciale CGIL-Scuola a Lecce, partecipa anche a nuove esperienze di vita sindacale, dando un contributo importante al tentativo del prof. De Blasio di far nascere nuove forme di sindacalismo autonomo nella Scuola.Alla fine degli anni ’80 il matrimonio e il trasferimento da Lecce a Salice Salentino dove con una compagna straordinaria,Maria Teresa,si dedica alla cura di due splendidi pargoletti, Chiara e Giovanni.Insegna Italiano e Latino prima nell’Istituto Magistrale di Tricase, quindi nel Liceo Scientifico”S. Trinchese” di Martano presso il Liceo Scientifico “Banzi” a Lecce, facendo sperimentazione con il progetto “Brocca” nei Corsi Maxiscientifici.Negli anni’90 a Salice è vicesegretario dei DS con la segreteria di Salvatore Scalpello.Sono questi gli anni della sua formazione politica e del consolidamento della sua fede nel patrimonio valoriale della Sinistra! Dopo l’improvvisa scomparsa dell’amico Salvatore, si allontana dalla politica attiva soprattutto perchè deluso dall’involuzione delle vicende amministrative e politiche di Salice Salentino. Vive un rapporto difficile con le strutture ecclesiastiche parrocchiali e diocesane, in cui cerca di dare il suo modesto contributo di pensiero per il rinnovamento e per il cambiamento di una Chiesa poco missionaria e poco evangelica. Soprattutto in ragione del timore di essere istituzionalizzato da un eccessivo clericalismo e perchè molto geloso del suo pensiero libero e fortemente laico, non accetterà la candidatura a Presidente del Consiglio Pastorale prima e poi, per ben due volte, la candidatura a Presidente dell’Azione Cattolica della Parrocchia S. Maria Assunta di Salice Salentino.Nel 2006, con anticipo rispetto alla scadenza naturale, va a godersi il meritato riposo della pensione.Nel 2009 è chiamato a Roma come lettore di un brano della Bibbia in una trasmissione straordinaria di Rai Uno, avendo l’onore di trovarsi accanto a Roberto Benigni e ad altri nomi prestigiosi della cultura e dello spettacolo. Dopo gli anni giovanili di belle esperienze musicali,Enzo non ha mai abbandonato la musica, coltivando in particolare lo studio della chitarra classica, utilizzando una splendida chitarra acustica e tenendo in buona efficienza e gelosamente un vero cimelio, una chitarra del 1963, regalo dei suoi genitori per la promozione nel secondo anno di liceo classico In questi anni ,sia pure in privato e con gli amici,ha sempre coltivato lo studio della chitarra e l’amore per la bella musica,prediligendo il repertorio di due dei più grandi cantautori italiani, due poeti della canzone come Fabrizio De Andrè e Francesco De Gregori. Poichè non bisogna buttare via il proprio tempo e occorre sempre avere dei sogni nel cassetto, sarebbe bello per Enzo avere un giorno accanto un bravo fisarmonicista con cui affrontare le belle canzoni dei due cantanti-poeti prima ricordati !Chissà che ciò non accada!In questi ultimi anni Enzo è anche impegnato nello studio universitario per colmare alcuni punti deboli della sua formazione e, dopo aver completato un percorso giurisprudenziale, attualmente è impegnato in un percorso di Sociologia e nella ricerca di documentazione sugli “ultimi” del nostro pianeta e nel ripristino dei collegamenti culturali con il suo paese d’origine, luogo della sua formazione, Torre Santa Susanna.Nel 2013 e 2014 ha lavorato alla stesura di un Saggio sulla Democrazia, saggio di prossima pubblicazione con la Feltrinelli. I suoi grandi interessi sono oggi rivolti alla politica e ai problemi di carattere sociale ed economico, il suo blog nasce con una grande finalità…..dare voce agli “ultimi” della Terra!!!